Calcio caos, nasce la Superleague

Le Notizie

La voce era nell'aria ma allo scoccare della mezzanotte di domenica 18 aprile è diventata ufficiale, scatenando un vortice di reazioni e caos senza precedenti nel mondo del calcio. Arsenal, Atlético Madrid, Chelsea, Barcellona, Liverpool, Manchester City, Manchester United, Real Madrid, Tottenham e le italiane Inter, Juventus e Milan hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per costituire una nuova competizione calcistica infrasettimanale, denominata "Super League", che sarà "governata dai Club Fondatori". È previsto che altri top club europei aderiscano al progetto Super League, così da costituire un nucleo di club composto da un numero massimo di 15 membri fondatori permanenti, ai quali, in ciascuna stagione sportiva, si aggiungeranno altri club secondo un processo di ammissione, per un totale di 20 club. Contro l'iniziativa si sono espresse duramente la Fifa e l'Uefa, oltre ai presidenti delle federazioni nazionali italiane, spagnola e inglese ma l'impasse ha coinvolto parti politiche, altre società calcistiche e sportivi illustri. "I calciatori che parteciperanno alla Superlega non giocheranno né il Mondiale né in Europa. Non potranno rappresentare le squadre nazionali - ha affermato il presidente Uefa, Aleksander Ceferin. La Uefa e il mondo del calcio sono uniti contro questa proposta orribile portata avanti da pochi club europei che seguono soltanto l’idea dell’avidità. Il mondo del calcio e unito e tutti lo sono contro questo progetto senza senso”.